19 marzo 2019

Come preparare la farinata in casa



Mi ipnotizzo sempre a guardare la lama del coltello che forma un archetto e disegna sulla teglia la fetta di farinata. Poi subito si infila sotto, come una spatola, la solleva e la appoggia fumante sulla carta. Io sono fortunata, vivendo alla Spezia ogni volta che desidero gustare questa semplice prelibatezza non faccio che andare ad acquistarla appena sfornata. Ma se non vivessi in Liguria come farei? Spesso sui Social mi chiedono consigli per preparare la farinata in casa. Sono fondamentali: una teglia di rame stagnato, il metodo di cottura e il composto di acqua e farina di ceci con abbondante olio extravergine di oliva ligure. Vediamo come fare:

11 dicembre 2018

Il Bunettu



Il budino di casa di una volta, il dolce della domenica. E quando c'erano anche cacao e amaretti era una gran festa. “I termini bonet [bunèt], piemontese, e bonetto [bunétu], ligure, non indicano tanto un dolce "tipico", quanto la preparazione che in italiano viene genericamente chiamata 'budino': il fatto che questo dolce sia sentito come "tipico" della cucina piemontese non ne riflette una particolare specificità regionale, anche se, in Piemonte come altrove, possono esistere ricette specifiche e modalità originali di preparazione del budino: è chiaro quindi che la voce non è di per sé "tipicamente" piemontese come "tipicamente" piemontese non è neppure il dolce, e quindi non c'è da stupirsi se la si ritrova anche in altre regioni, dove il budino ovviamente esiste pur senza essere ritenuto particolarmente "tipico". L'origine della voce potrebbe risalire banalmente all'aggettivo bon 'buono' in forma diminutiva, e indicare quindi 'una cosetta buona, un dolcino buono'; è però possibile risalire (non senza l'influsso comunque presente di bon 'buono') alla parola 'bonetto' che significa 'berretto', attribuita a un dolce che per la forma può richiamare in certi casi un copricapo: allo stesso modo lo 'zuccotto' è un dolce così chiamato con riferimento alla sua forma che richiama lo 'zuccotto' appunto o 'zucchetto', ossia il noto copricapo ecclesiastico a calotta.” 
Bunèt e Bunettu - Fiorenzo Toso – la civiltà della forchetta in memoria di Giovanni Rebora

IL BUNETTU, IL BUDINO DELLA FESTA

26 novembre 2018

Pizze di Genova


Pizze di Genova, l'apporto ligure alla storia della pizza
di Gabriella Molli
Una bella iniziativa conviviale della Condotta Slow Food Sarzana (martedì 27 novembre 2018 presso Officine del Cibo, intitolata ‘Quando la pizza è slow”), mi sollecita la storia delle ‘Pizze di Genova’, che sono con le paste alimentari una delle problematiche che si aprono parlando di storia della pizza italiana.

11 ottobre 2018

Torta ligure di zucchine


Il clima è ancora mite qui in Liguria e le piante di zucchini continuano a regalarci i loro delicati ortaggi. Sono molto versatili, per questo utilizzati in diverse gustosissime preparazioni. Non potevano mancare come ripieno nella torta di verdura. Il procedimento è semplice e bastano pochi ingredienti racchiusi da una sfoglia sottile di pasta matta. Un po' di olio extravergine ligure per dare la giusta croccantezza prima di infornare e la magia è fatta.

TORTA LIGURE DI ZUCCHINE 

23 luglio 2018

Ravioli di basilico della Richetta


Avevamo ancora il negozio quando ci venne in mente di fare i ravioli di basilico. Parliamoci chiaro, qui nessuno vuole vantare primogeniture né invenzioni di chissà quale ricetta. Mi limito solo a raccontare come ci venne in mente di fare questi ravioli e perché per qualche anno li proponemmo anche al pubblico.

RAVIOLI DI BASILICO DELLA RICHETTA
di Sergio Rossi il Cucinosofo 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...